• +39 06 916391
  • Lun - Ven: 8:00 - 17:00
  

Intervista a Guglielmo Frontini, Plant Director di ITC Farma, che ha scelto tecnologie IMA Active per il potenziamento e la modernizzazione dello stabilimento di Pomezia 

5fc3b2f8eecb483da37ed33521f8a0e5 L


Il Contract Development and Manufacturing (Cdmo) si è ormai affermato a livello internazionale come un modello organizzativo largamente diffuso, che permette di esternalizzare la produzione e lo sviluppo di #farmaci in fabbriche e laboratori dedicati dotati di ampie capacità operative

111111111E' quanto emerge dall'indagine Prometeia-Farmindustria 2020 che 'fotografa' il settore. L'Italia è infatti il primo produttore continentale con oltre 2 miliardi (2,07) di euro di valore della produzione (pari al 23% dei 9 miliardi stimati per il totale Ue) e supera sia la Germania (1,95 mld di euro) sia la Francia (1,72 mld). 

Un ruolo importante dunque, che si riflette anche nel numero di persone impiegate nelle aziende del comparto: oltre 10.500 addetti. Secondo l’indagine, c'è stata una forte espansione delle produzioni biologiche e ad alta attività nel corso dell’ultimo decennio, arrivando a sfiorare il 20% del fatturato complessivo nel 2020, dal 5% del 2010, con una crescita a un tasso medio annuo del +20,4%. E l'export è più che raddoppiato tra il 2010 e il 2020, con una quota sul totale del fatturato passata dal 57% a oltre il 70%.

Con le nuove linee di produzione l’azienda pontina aggiunge ulteriore sicurezza ai suoi prodotti

pharma-4.0ROMA - Con l’acquisizione dell'innovativa linea blisteratrice, ItcFarma aggiunge un altro importante tassello nella sua produzione a ulteriore garanzia e protezione dello sviluppo dei suoi prodotti. Parliamo di una blisteratrice di ultima generazione, 240 blister al minuto, capace di soddisfare una delle sfide future della cosiddetta supply chain nell’industria farmaceutica, ovvero quella che riguarda la tracciabilità e la serializzazione del prodotto. Si tratta di un ulteriore avanzamento tecnologico che fornirà ai consumatori e soprattutto ai pazienti maggiori forme di tutela e garanzia sull’originalità e sull'integrità dei prodotti in tempo reale. La nuova blisteratrice, infatti, è in in grado di inviare automaticamente tutti i dati utili per monitorare il confezionamento dei prodotti farmaceutici e la rintracciabilità degli stessi a livello internazionale, al fine di una gestione intelligente dei dati. L'applicazione ad ogni astuccio di un identificativo univoco, unitamente a soluzioni anti-manomissione, ovvero il "Tamper-evident technology", fornisce i dati fondamentali di ogni confezione come il numero seriale, il numero del lotto, la data di scadenza che devono essere memorizzati in un codice DataMatrix tracciando il percorso dei nostri prodotti fino all'utente finale. “Grazie all'incremento delle richieste provenienti dal mercato, oggi siamo in grado di aumentare ulteriormente la nostra produzione in un'ottica di innovazione digitale". E' quanto precisa Guglielmo Frontini, direttore di stabilimento di ItcFarma. "La nostra visione rimane pur sempre quella di investire su tutti quei processi che hanno ispirato il cosiddetto Pharma 4.0, puntando ad una produzione pensata che abbia come principale obiettivo la salute e la qualità della vita. Al momento - conclude Frontini - stiamo valutando l'ipotesi di acquistare una nuova linea, proprio per far fronte alle tante richieste di un settore che continua ad essere un punto di riferimento internazionale per le competenze acquisite".

itcfarmaLa visione di ITC Farma è quella di mettere al centro le potenzialità e le competenze umane adottando strategie industriali che fungano da stimolo in un’ottica di open innovation, alla produttività consapevole, alla creatività, nonché alla crescita personale e collettiva. Una miscela che nella maggior parte dei casi si coniuga perfettamente con i vantaggi che le leggi europee offrono grazie ai finanziamenti Life 2020 per la ricerca e lo sviluppo, ai progetti di ricerca che si avvalgono del credito d’imposta e a tutte quelle tecnologie abilitanti che rientrano nella cosiddetta politica dell’Industria 4.0. Ma non è tutto. Spesso queste politiche industriali vantaggiose producono anche un importante risultato, molto più convincente in termini socio-economici, ovvero quello di creare una particolare sinergia tra il mondo accademico della ricerca e quello dell’Impresa. Una congiunzione multidisciplinare, spesso ideale se si pensa ai vantaggi reciproci riscontrabili nel breve tempo, in primis quello di evitare la cosiddetta fuga dei cervelli, offrendo l’opportunità ai giovani laureati di inserirsi in settori strategici per il Paese.

“E’ grazie agli investimenti europei, resi possibili alle aziende italiane che intendono puntare fattivamente verso l’innovazione tecnologica che abbiamo sempre maturato un modello virtuoso che punta a far ulteriormente rafforzare i risultati già raggiunti nel campo farmaceutico nazionale attraverso le solide conoscenze scientifiche, intellettuali e imprenditoriali che in Italia orbitano abbondantemente nel settore del contract manufacturing”. E’ quanto precisa Guglielmo Frontini direttore dello stabilimento di ITC Farma.

“Non a caso - prosegue Frontini - può accadere che, anche nei momenti meno favorevoli, le opportunità si possano trasformare in vere e proprie scelte migliorative, anche grazie a una legislazione europea/italiana conveniente e a quelle istituzioni più attive e sensibili ai temi industriali. Noi, in ITC, abbiamo fatto scelte ponderate, convinti che alcune strade debbano essere percorse con sensibilità innovativa, pensando alla continua metamorfosi a cui assistiamo ogni giorno.

Oggi, dopo un rinnovamento tangibile, già realizzato per quanto concerne i nostri sistemi produttivi di packaging e di ricerca e sviluppo, rivolti al settore sia farmaceutico che nutraceutico, intravediamo i primi segnali positivi a significare la giusta direzione intrapresa. Essere affidabili e competenti diviene un valore aggiunto inequivocabile se gli investimenti si traducono in ricerca e innovazione, attraverso le opportunità che l’Europa e l’Italia mettono a disposizione per rilanciare l’impresa. Per questo motivo - conclude Frontini - è fondamentale sondare i possibili scenari, guardando al futuro con coraggio e perseveranza, evitando di porre limiti all’esplorazione”.

L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5 milioni di euro, sul ciclo produttivo, acquisendo nuove macchine nel comparto del packaging farmaceutico.

itc-farmaL’ultima arrivata è una macchina blisteratrice di nuova generazione con elevate performance in termini di produttività, in grado di lavorare diverse tipologie di materiali (Alluminio, PVC, PVC/PVDC, carta) e dotata di un sistema per la “stampa in continuo” del materiale utilizzato per il blister. Una scelta intrapresa proprio nell’ottica di migliorare ulteriormente la produzione “lean”, minimizzando gli sprechi se non addirittura annullandoli. Ma non solo. La stampa in questione, che utilizza un inchiostro privo di solventi, avviene su bobine di materiale anonimo poco prima della fase di saldatura del blister, riducendo così il rischio di frammischiamento di materiali stampati. Un processo, quindi, tecnologicamente evoluto che si allinea perfettamente con la politica aziendale di ITC Farma, sempre più sensibile al tema ambientale. “Si tratta di un passaggio inevitabile per migliorare i nostri processi di produzione nell’ottica della “Lean transformation” - precisa Guglielmo Frontini, direttore di stabilimento ITC Farma - perchè oggi le scelte intelligenti vanno pensate, elaborate e poi adottate in modo da offrire agli stakeholder la massima garanzia di qualità del prodotto, fino all’ultimo passaggio del ciclo produttivo, ovvero il packaging. La scelta ecologica, inoltre, non deve essere una casualità - puntualizza Frontini - bensì un percorso virtuoso che in azienda abbiamo intrapreso da parecchio tempo. Innovazione e sostenibilità, infatti, li consideriamo due elementi che oggi più che mai devono essere posti in relazione tra loro per costruire e rafforzare un’etica ambientale, quale prerogativa imprescindibile”.